Cerca
Close this search box.
10 Settembre 2020

New York va a letto presto

La Grande Mela cerca di ripartire dopo l’epidemia. La crisi si percepisce dai negozi chiusi e dal verde pubblico trascurato. Ma i musei riaprono e i ristoranti colonizzano i marciapiedi con i loro tavolini. Semplicemente, si vive a orario ridotto. E con mascherina d’ordinanza. Il racconto per immagini
CONDIVIDI SU
Facebook
Twitter
WhatsApp

Le mille luci di New York sono momentaneamente spente. La città dalle tante vite, però, prova a ricominciare dopo l’epidemia. Certo, le strade sono una lunga sequenza di vetrine vuote con i cartelli “Si vende” dei molti negozi che non riapriranno. Ma i ristoranti, dove ancora non si può mangiare all’interno, hanno piazzato sui marciapiedi i loro tavolini. Riaprono i primi musei: ufficialmente al 25 per cento, anche se poi, alle casse, la fila è quella di sempre. La scuola riaprirà fra una settimana e, dopo il deserto dell’estate, molte famiglie stanno provando a rientrare. In città c’è poco da fare: chiusi i cinema, i locali jazz, i teatri. Eppure, i newyorchesi doc sembrano ben adattarsi alla nuova dimensione. Nella città che da sola ha totalizzato 241 mila casi di Covid-19 e 24 mila morti – ma che con il lockdown più severo d’America ha superato il momento difficile – nessuno gira senza mascherina. Si fa vita di quartiere: nei parchi vicini, nei ristoranti che occupano le strade arrivando giù fino a downtown tanto da sembrare un’infinta festa di paese. E la domenica tutti in bici, magari lungo il fiume, stupiti di poter riconquistare la città senza turisti e senza ricchi, rifugiatisi nei villoni degli Hamptons o scappati in Florida. Sì, la metropoli che non dormiva mai, ora va a letto alle 22, quando la luce dell’ultimo locale deve spegnersi. È meno frenetica, ma non ha perso il suo passo.

Sono almeno tremila i negozi definitivamente chiusi. E con questi almeno mille bar e ristoranti. C’è chi a ripartire ci prova ugualmente: con il divieto ancora in atto di mangiare al chiuso, molti ristoranti hanno messo i loro tavolini per strada. E la sera, con tutte quelle luminarie, la città sembra una gigantesca festa di paese.
Le vetrine dei negozi chiusi sono state trasformate in messaggi sociali o di rivolta. I tagli al budget cittadino si vedono nei parchi trascurati e nelle aiuole abbandonate. Ma New York regala anche angoli di inaspettata bellezza. Girasoli enormi, cresciuti spontaneamente dal cemento.
I musei hanno riaperto, al 25 per cento delle loro capacità. Il Metropolitan, subito dopo la riapertura, è già affollatissimo. Il tempo è buono e nel fine settimana la città si riversa nei parchi: c’è chi approfitta per fare un ultimo bagno di Sole.
Nella città che ha avuto almeno 241 mila contagi, perfino i libri portano la mascherina… Per strada non se la leva nessuno. Nemmeno i bambini.
La città è piena di disperati. I senzatetto non possono più rifugiarsi nella metropolitana o negli shelter, chiusi perché non garantivano la distanza fisica. Dormono dove possono. L’invito a indossare la mascherina è ovunque. Anche le statue la portano. E non c’è palazzo o ascensore che non t’inviti a indossarla.

*Anna Lombardi è nata a Roma nel 1967, è cresciuta in Sicilia e ha vissuto a Parigi, Pechino e New York. Ha lavorato a Rai Radio 3 prima di approdare a “la Repubblica”, dove attualmente è inviata a New York. Tutte le foto del reportage sono state scattate da lei per Altre/Storie.

Altre/Luoghi

Ci sono altre storie da raccontare su questo stesso tema.

Follow the virus

Las Vegas capitale della disoccupazione

Speciale Ucraina 03. Un piano quasi perfetto

La sfida di Paolo, da 40 anni in sella a una bici

Ci sono altre storie
da raccontare

Iscriviti alla mia newsletter per riceverle in anteprima  e gratuitamente ogni settimana

I tuoi interessi: cosa segui?

Sei più interessato al passato o al futuro?

ISCRIVITI/NEWSLETTER

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere storie come questa in anteprima. ☕️ Ogni venerdì mattina, in tempo per il caffé.