Cerca
Close this search box.
23 Dicembre 2022

La felicità a misura di sfoglia

Lo scrittore Enrico Brizzi, emiliano doc, è l’host del podcast “La rivoluzione tranquilla”. Nel ricordare la sua infanzia, tra il matterello e le sfoglie di pasta, ci racconta il significato profondo che il tortellino ha nella cultura emiliana
CONDIVIDI SU
Facebook
Twitter
WhatsApp

In Emilia, dove sono nato e cresciuto, la felicità si misurava in uova di sfoglia che venivano tirate sul tagliere a forza di matterello: un paio potevano bastare per una robusta porzione di tagliatelle, ma quando si avvicinavano le feste, i compleanni o il Natale, ecco che la nonna chiamava a raccolta la mamma, le zie e noialtri nipoti, e le uova investite nel diventare tortellini salivano in doppia cifra.

Enrico Brizzi è l’host del podcast “La rivoluzione tranquilla”. Foto di Sara Vago

Con ventiquattro cugini e tanti zii da mettere a tavola, capirete, ne servivano parecchie, accompagnate da un bel po’ di ripieno preparato con cura e da litri e litri di brodo, che andava avanti a sobbollire per giorni interi.
Oggi come ieri, nella cultura emiliana i tortellini non sono una semplice pasta farcita, e neppure la migliore pasta farcita del mondo, ma ancora qualcosa di più, la rappresentazione fisica dell’amore e dello stare insieme.
Ecco perché sono felice e orgoglioso di prestare la mia voce al podcast – La rivoluzione tranquilla – che racconta l’avventura di un’associazione speciale nata a Modena, che ha eletto l’arte di fare i tortellini come mezzo di socializzazione – ed emancipazione – per ragazze e ragazzi nello spettro dell’autismo.
“Preparare qualcosa di buono” è un’espressione che rende bene, a un tempo, quello che fanno i ragazzi – ottimi tortellini – e quello che l’associazione fa per loro: predisporre un futuro migliore attraverso un’arte antica e nobile, capace di creare legami e disegnare sorrisi sui volti.

*Enrico Brizzi è nato a Bologna nel 1974. Ha esordito nel 1994 con il bestseller Jack Frusciante è uscito dal gruppo, che ha segnato un’intera generazione di lettori, è stato tradotto in ventiquattro Paesi ed è diventato un film. Appassionato di cammino, ha percorso a piedi le grandi vie di pellegrinaggio; questi viaggi hanno ispirato molti libri. Ha pubblicato anche molti romanzi, saggi storici dal taglio narrativo e alcuni volumi sul calcio per adulti e ragazzi. Ha vinto il Premio Bancarella Sport con In piedi sui pedali (Mondadori, 2014). Il suo ultimo romanzo è La primavera perfetta (HarperCollins, 2021). Nel 2022 ha pubblicato “Il fantasma in bicicletta” (Solferino) e “L’imprevedibile mare di Milano” (Ponte alle Grazie).

Altre/Da ascoltare

Ci sono altre storie da raccontare su questo stesso tema.

Ma il bene non fa mai naufragio

“Ossigeno” per immaginare il futuro

La coincidenza di chiamarsi Andrea

Non esistono cattivi ragazzi

Ci sono altre storie
da raccontare

Iscriviti alla mia newsletter per riceverle in anteprima  e gratuitamente ogni settimana

I tuoi interessi: cosa segui?

Sei più interessato al passato o al futuro?

ISCRIVITI/NEWSLETTER

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere storie come questa in anteprima. ☕️ Ogni venerdì mattina, in tempo per il caffé.