Cerca
Close this search box.
1 Ottobre 2020

Quando è la storia che ti viene a cercare

Il 20 ottobre esce il mio nuovo libro. S’intitola “Quello che non ti dicono”, racconta di un ragazzo degli anni Settanta. E di una bambina, diventata donna, in attesa di risposte sul padre mai conosciuto. Un libro che è nato da un messaggio sui social ed è venuto a bussare alla mia porta, sicuro che l’avrei scritto
CONDIVIDI SU
Facebook
Twitter
WhatsApp

Ci sono storie che ti rimangono impigliate nella testa anche se cerchi di evitarle e decidi di guardare altrove. E, quando meno te lo aspetti, mentre sei lì che attendi che il caffè salga, mentre sei in coda al supermercato, in quegli attimi vuoti e non previsti, tornano fuori e ti guardano. Il 20 ottobre esce il mio nuovo libro, si intitola “Quello che non ti dicono”, è un libro che non avevo cercato, che non era previsto e nemmeno immaginato. Non sono io che sono andato a cercare lui, ma lui che è venuto a cercare me.

La copertina del mio nuovo libro, “Quello che non ti dicono”, in uscita per Mondadori il 20 ottobre prossimo e già in preordine negli store online

Esattamente un anno fa, il 3 ottobre, si è presentato sulla mia pagina Facebook sotto forma di un messaggio. Arrivava da un missionario italiano che vive nel deserto algerino. Mi parlava di un ragazzo degli anni Settanta, tradito dagli amici e scomparso. Mi parlava della necessità di sapere, scoprire, capire. I primi dettagli di quella storia mi avevano incuriosito ma qualcosa mi frenava: gli anni Settanta. Mi ero ripromesso di non tornarci più, troppo tempo ho già passato in quella stagione che mescola idealità, illusioni, violenza e dolore. Così ho risposto che quella non poteva essere la mia storia.

Ma la storia non voleva restare nell’oblio in cui viveva da tantissimi anni, così è tornata a bussare, rivelando ogni volta altri piccoli dettagli di sé. Sono riuscito a tenerla lontano fino a quando non mi ha parlato di una bambina che non aveva mai conosciuto suo padre, e ora voleva scoprire chi fosse. A quel punto la storia era sicura che io l’avrei scritta. Così ho cominciato un viaggio, con le domande di quella bambina che oggi è una donna, per cercare risposte. Partendo da un armadio pieno di carte, sepolto nella cantina di una casa di campagna, e da una foto di classe. Suo papà, Carlo, è quello in centro nell’ultima fila, quello con gli occhiali e le orecchie a sventola.

Altre/Libri

Ci sono altre storie da raccontare su questo stesso tema.

A tu per tu con don Piero

Una volta sola

Il gioco è più forte del virus

La Spagna che vuole uscire dalla notte

Ci sono altre storie
da raccontare

Iscriviti alla mia newsletter per riceverle in anteprima  e gratuitamente ogni settimana

I tuoi interessi: cosa segui?

Sei più interessato al passato o al futuro?

ISCRIVITI/NEWSLETTER

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere storie come questa in anteprima. ☕️ Ogni venerdì mattina, in tempo per il caffé.