Cerca
Close this search box.
1 Aprile 2021

I rumori che mi mancano

Nel nuovo episodio della mia serie audio Altre/Storie, prodotta da Chora Media, passo in rassegna i suoni a cui ero abituato, quelli che talvolta m’infastidivano e di cui ora, invece, soffro l’assenza. E la colonna sonora che voi avete perso nel lockdown qual è? L’ho chiesto ad alcuni amici, ascoltate le loro risposte
CONDIVIDI SU
Facebook
Twitter
WhatsApp

Tra le tante cose che mi sono mancate in questo anno di pandemia e lockdown ce n’è una che sento forte, forse perché ne rappresenta mille altre, e sono i rumori. Sì, mi mancano i rumori, i suoni. Una vita a cercare il silenzio, a immaginare la quiete della campagna, la pace della montagna, a concepire come massimo disturbo la risacca delle onde e poi, quando il silenzio arriva – un silenzio che, per lo meno nelle città, ha avuto un suono spettrale – mi sono ritrovato ad avere nostalgia per le folle, per quegli annunci in metropolitana che chiedono di non accalcarsi e di lasciare chiudere le porte, perfino per cose che odiavo come le code in aeroporto al nastro del ritiro bagagli. Mi mancano le persone, non i singoli, ma l’idea di stare tutti insieme.

Esce oggi il 6° episodio della mia serie podcast Altre/Storie, prodotta da Chora Media, che s’intitola “I rumori che mi mancano”. Potete ascoltarlo cliccando qui o sull’immagine della copertina

Mi sono reso conto che le nostre vite hanno una colonna sonora di cui nemmeno ci accorgiamo, tanto la diamo per scontata, ma quando quella musica improvvisamente scompare, solo allora realizziamo cosa abbiamo perduto. Se vi chiedessi quali sono i suoni che vi mancano di più, forse non sapreste rispondere, ma c’è un modo infallibile per rendersi conto di cosa abbiamo perso, fare un viaggio dentro il proprio telefono, tra i video. Chiudete gli occhi e ascoltate e vi renderete conto di quanti suoni ci sono mancati quest’anno. In questo viaggio mi hanno accompagnato Rosario Fiorello, Giacomo Poretti, Gigi Buffon, Geppi Cucciari, Francesco Piccolo e Lorenzo Jovanotti. Buon ascolto!

Altre/Da ascoltare

Ci sono altre storie da raccontare su questo stesso tema.

Siamo figli di “Serial”

Liliana Segre e la gratitudine

Una pausa e un consiglio

Cos’è oggi la Mafia

Ci sono altre storie
da raccontare

Iscriviti alla mia newsletter per riceverle in anteprima  e gratuitamente ogni settimana

I tuoi interessi: cosa segui?

Sei più interessato al passato o al futuro?

ISCRIVITI/NEWSLETTER

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere storie come questa in anteprima. ☕️ Ogni venerdì mattina, in tempo per il caffé.